Piscine Casa portale sulle piscine

From the Blog

I permessi per la costruzione della piscina interrata 

I permessi per la costruzione della piscina interrata 

I permessi per la costruzione della piscina interrata 

Quando finalmente ci si decide a comprare una piscina interrata, una delle domande più ricorrenti è: che permessi per la costruzione servono? Purtroppo c’è spesso molta confusione in materia di permessi per la costruzione della piscina interrata. Dipende anche dal fatto che le normative di alcuni comuni non sono ancora aggiornate. Tuttavia in linea di massima alla domanda: servono permessi per la costruzione delle piscine? La risposta è sì. Servono sempre dei permessi se si vuole edificare una piscina interrata, che come tale ovviamente presuppone uno scavo nella proprietà. 



Per l’edificazione servono delle autorizzazioni e vale a dire un titolo edilizio. Il problema è che non è sempre facile identificare il giusto permesso che occorre, ed è per quello che vogliamo darvi dei consigli. La prima cosa da sapere, come abbiamo detto, è che le piscine interrate in Italia non sono a libera costruzione. La realizzazione delle piscine con scavo richiedono sempre un permesso edilizio, anche se non c’è sempre molta chiarezza sulla sua natura. 

Se volete costruire una piscina è bene cominciare ad informarsi da subito sui permessi per la costruzione, in modo da velocizzare l’iter. Infatti prima ancora di cominciare a costruire bisogna avere tutti i permessi in regola. Dato che in Italia la gestione dei permessi edilizi rientra nella competenza dei singoli comuni, è possibile che possano esserci differenze fra un luogo e l’altro. La disciplina dei permessi è gestita sulla base di accordi Stato Regione. Capita spesso però che all’interno della stessa regione ci siano differenze di regolamento fra province e comuni. 

Ora vi daremo i consigli e le informazioni necessarie sui permessi per la costruzione per le piscine. Tuttavia ricordate che l’ultima parola spetta all’ufficio tecnico del vostro comune, al quale vi consigliamo di ricorrere per essere certi del tipo di permesso ed evitare multe e ritardi. Ricordate che edificare una piscina senza il permesso necessario comporta una responsabilità penale per il reato di abuso edilizio. Di questa responsabilità rispondono sia proprietario che progettista e costruttore. Quindi munitevi di tutti i permessi per la costruzione prima di cominciare a costruire. 

Piscine interrate: la DIA è sufficiente? 

La giurisprudenza ha ricordato più volte che la DIA non è sempre sufficiente per permettere la costruzione della piscina. Alcune pronunce del consiglio di Stato si sono mostrate abbastanza restrittive nel considerare la DIA come sufficiente per la costruzione della piscina, che non sempre è considerata semplicemente un prodotto per lo svago. 

Ma di quale titolo edilizio bisogna munirsi allora per costruire la piscina? Ecco qualche consiglio e tenete conto che dovrete sempre chiedere all’ufficio tecnico del comune dove si trova il terreno. 

Autorizzazione edilizia per piscina interrata 

Uno dei permessi che può essere necessario per costruire una piscina interrata è l’autorizzazione edilizia. Si tratta di un titolo non incluso nel Testo Unico Edilizio perché sostanzialmente entrato in disuso. Oggi questo titolo abilitativo per l’edificazione di piscina interrata non viene quasi più richiesto, essendo quasi integrato nel DIA. 


Tuttavia se il comune non è aggiornato, potrebbe essere ancora erogata l’autorizzazione edilizia seguendo le procedure che vengono indicate dal comune stesso. 

La DIA per la piscina interrata 

La DIA consiste nella denuncia di inizio attività che viene richiesta se la piscina interrata è un intervento pertinenziale con volume non superiore al 20% della grandezza dell’edificio. La piscina interrata non deve però essere considerata come intervento di nuova costruzione, tenendo conto anche del suo impatto sul paesaggio. 

La DIA è il permesso per la piscina interrata più facile da ottenere in assoluto ed in genere è il permesso classico richiesto per l’edificazione della piscina interrata. Secondo il T. U. Edilizia, la DIA va presentata al comune da un professionista. Può essere l’architetto, il geometra o l’ingegnere che si occupa dei lavori. Una volta presentata la DIA, il Comune ha 30 giorni di tempo per fare opposizione. In caso contrario vige la regola del silenzio assenso: trascorsi 30 giorni senza opposizione si procede alla costruzione della piscina interrata. 

Prima di presentare la DIA consigliamo di valutare se sussistano dei vincoli di tipo paesaggistico o altre norme del piano regolatore che impediscano la costruzione della piscina interrata. Ad esempio potrebbero esserci dei limiti dovuti alla grandezza della struttura, forme, colore e via dicendo, dovute alle regole sul paesaggio. Il costo della DIA è limitato agli oneri di segreteria di qualche decina di euro, quindi economico e veloce da presentare. 

Permesso a costruire per la piscina interrata 

Nella maggior parte dei casi fra i permessi per la costruzione il permesso a costruire è quello più diffuso. Il permesso a costruire, ex concessione edilizia secondo il T.U. Edilizia, consiste in un atto formale rilasciato dall’amministrazione comunale che consente di effettuare alcune opere edilizie. Esso si applica a interventi di nuova costruzione o ristrutturazione urbanistica. Si applica anche a interventi di ristrutturazione con aumento delle unità immobiliari o modifica del volume delle stesse e cambiamenti nelle destinazioni d’uso. 

Il permesso a costruire viene rilasciato conformemente ai regolamenti urbanistici ed alla disciplina vigente. Esso indica la data di inizio e la data di fine dei lavori (massimo un anno dal rilascio del titolo per l’inizio). I lavori devono terminare entro tre anni dal loro inizio, e le proroghe non sono quasi mai concesse. Per poter richiedere il permesso a costruire bisogna presentarsi allo sportello unico. La documentazione da portare è il titolo di legittimazione (proprietà), l’elaboratore progettuale, auto-certificazione di conformità del progetto. 

Il permesso a costruire consente la regola del silenzio diniego. In sostanza se l’amministrazione non risponde entro 60 giorni, 120 giorni per i comuni con più di 100mila abitanti, la non risposta è negativa. Il permesso a costruire richiede la pertinenzialità della struttura rispetto all’abitazione. Il che significa che se la piscina interrata è maggiore, in dimensioni, del 20% dell’abitazione, il permesso a costruire non può essere rilasciato. 

Si tenga conto che il rilascio del permesso a costruire può essere anche soggetto ad oneri di urbanizzazione, una realtà che cambia da comune a comune. Chiedere informazioni all’ufficio tecnico del comune quindi è la soluzione migliore. 


Bambini e sicurezza in piscina: che cosa sapere

Bambini e sicurezza in piscina: che cosa sapere

Bambini e sicurezza in piscina: che cosa sapere

Finalmente vi siete decisi: volete anche voi una piscina interrata per voi e i vostri bambini. Avete finalmente scelto il modello migliore oppure siete ancora in alto mare, ma comunque vi siete decisi ad acquistare una piscina da sogno che dia valore alla vostra casa. La piscina interrata oggi come oggi è un sogno di molte persone, ed è anche una sorta di status symbol di ricchezza o benessere. In realtà la piscina è innanzitutto un luogo di condivisione e di armonia, dove rilassarsi, divertirsi, passare del tempo assieme. Se si hanno bambini in casa, è importante optare anche per alcune basilari regole di sicurezza. 

La sicurezza in piscina, specie nella piscina interrata, è di fondamentale importanza. Infatti si consiglia sempre di stare attenti a bambini e animali domestici soprattutto se la piscina non è circondata da cordoni o muretti che impediscano l’accesso. Essendo a filo d’acqua, la piscina potrebbe diventare pericolosa per i bambini più piccoli. Questo deve impedire di godersi la bellezza di uno specchio d’acqua in casa per tutta la famiglia? Ovviamente no, ed infatti ci sono tantissime soluzioni per consentire di usare la piscina in tutta sicurezza anche con i bambini. Tuttavia è importante adottare qualche accorgimento per evitare problemi o incidenti che si possono facilmente evitare. Tutto quello che serve è un po’ d’attenzione. Il nostro consiglio è quello di valutare le idee che scriviamo in questo articolo per mettere in sicurezza la vostra piscina interrata e far sì che si possano evitare incidenti. 



Bambini piccoli e piscina: attenzione!

La regola d’oro per chiunque abbia sia bambini che una piscina di qualunque tipo è sicurezza ed occhi aperti. Spesso infatti questi prodotti non vengono messi in sicurezza ed in particolare nel caso delle piscine interrate ciò può essere un rischio. Se i bambini sono abbastanza piccoli, la piscina interrata può diventare un vero rischio. Infatti spesso non c’è nessuna delimitazione sulla zona esterna e questo ovviamente espone il bambino al rischio di caduta. A ciò si aggiunga che spesso il bordo piscina è bagnato e scivoloso e di conseguenza caderci è possibile. 

I bambini vanno sempre tenuti sotto controllo quando sono nel giardino e nelle vicinanze della piscina. I bimbi più piccoli non dovrebbero mai stare da soli all’esterno e non devono essere lasciati fuori casa neppure per qualche istante. Anche qualche secondo può esser davvero pericoloso, per questo consigliamo sempre di tenere sotto controllo i bimbi più piccoli che non hanno accortezza del pericolo dell’acqua fonda. 

Recinzione alla piscina

La stessa cosa vale anche per gli animali che non dovrebbero essere lasciati da soli e liberi vicino alla piscina. Potrebbero essere attirati dall’acqua e cadervi dentro. La sicurezza dei bambini è di fondamentale importanza e per questo motivo noi consigliamo di impostare una recinzione attorno alla piscina interrata. 

La recinzione può essere anche un gradevole muretto con aiuole e fiori, in modo da sposarsi bene nel contesto. L’importante è che non abbia punti di accesso non controllati e che se c’è un cancellino sia sempre tenuto chiuso. In alternativa è possibile anche optare per una recinzione mobile che può essere bella e pratica, e si potrà togliere quando i bambini crescono. La recinzione del resto dona anche un po’ di privacy alla zona della piscina. 

Coperture di sicurezza in PVC

Se temete che un recinto possa non essere sufficiente per proteggere i bambini, o se avete paura di incidenti di ogni tipo, la soluzione perfetta è la copertura in PVC. La copertura di sicurezza in PVC rinforzato è uno strato di PVC agganciato a dei binari che si chiude sulla piscina, proteggendo così i bambini, quando essa non viene usata. Si tratta di una soluzione perfetta per le piscine interrate di quasi ogni tipo, che consente di schermare l’acqua quando la piscina non è in uso. 

Questo impedisce che i bambini possano caderci dentro, ma impedisce anche la caduta di animali e protegge la piscina dall’evaporazione e dal calore, nonché dallo sporco. Le coperture sono una soluzione intelligente sia per la sicurezza della famiglia che per risparmiare l’acqua. In estate la dispersione del calore fa sì che molta acqua evapori, perché non protetta dai raggi del sole. La copertura in PVC altamente personalizzabile secondo i propri gusti e stile evita questo tipo di problema. 

La copertura è ideale per ogni tipo e forma di piscina, con prezzi che variano molto a seconda del modello scelto e che permettono di proteggere la piscina ma anche i più piccoli. 



Piscina per bambini

La sicurezza dei bambini in piscina passa anche attraverso l’uso corretto dell’acqua. Sempre più famiglie che optano per le piscine interrate scelgono una soluzione a diverse gradazioni di profondità. Una zona della piscina con scalini e con acqua molto bassa viene pensata appunto per i giochi dei bambini. In questo modo i più piccoli, sempre sotto l’occhio vigile degli adulti, possono divertirsi nella piscina senza rischiare. 

La zona dedicata ai bambini è una soluzione intelligente per rendere la piscina interrata fruibile a tutta la famiglia. Inoltre nella zona con acqua bassa è possibile anche semplicemente rilassarsi tutte le volte che non si ha voglia di fare una nuotata. Molto importante è ricordare che i bambini non vanno mai lasciati da soli neppure quando sono in acqua bassa. La presenza di un adulto è sempre indispensabile. 

Sicurezza piscina: l’allarme a filo 

L’allarme a filo per piscina interrata consiste in una soluzione perfetta per evitare intrusioni o incidenti. L’allarme a filo è sostanzialmente invisibile e permette di mappare l’area attorno alla piscina. Quando è attivo suona ogni qualvolta che una persona o un animale oltrepassa il segnale. 

Questo consente di evitare alcuni incidenti con i bambini piccoli o gli animali domestici. Pur ripetendo che i bambini non vanno lasciati da soli in prossimità della piscina, l’allarme a filo è una sicurezza in più che consente di proteggere sia la piscina interrata dalle intrusioni, sia di aiutare in caso di incidente. Se volete sapere di più sulle piscine interrate di alta qualità e piscine per bambini contattateci subito. 



Quanti tipi di piscine esistono?

Quanti tipi di piscine esistono?

Quanti tipi di piscine esistono?

Avete finalmente deciso che la vostra piscina interrata dei sogni si farà. Finalmente vi siete decisi: volete anche voi una bellissima piscina nel vostro giardino, dove rilassarvi e trascorrere del tempo con gli amici. Se avete già deciso il modello non vi resta che ordinarlo, ma se siete ancora indecisi, fareste bene a valutare il modello migliore di piscina interrata.

Ne esistono infatti di diverse tipologie, fra dimensioni, materiali, qualità e costi davvero diversi. La scelta della migliore dipende da una serie di valutazioni personali. Noi vogliamo mostrarvi quali sono i tipi di piscina interrata principale in modo che possiate fare una scelta oculata. Infatti esistono piscine in cemento armato, polistirolo, vetroresina, pannelli di acciaio. La scelta dipende certamente dal budget, ma non solamente dal budget, ma anche da altre valutazioni particolari. Possono essere di materiali diversi, di forme diverse, insomma esistono davvero tanti tipi differenti di piscine. 

Se ancora non avete deciso quella che fa per voi, probabilmente vi serve qualche consiglio perché non è affatto vero che le piscine interrate sono tutte uguali. Possono avere delle notevoli variazioni in termini di costi, soluzioni pratiche, colori, materiali. Di sicuro tutte richiedono un permesso edilizio per poter essere edificate, ma per il resto ce ne sono veramente di tutti i tipi. Volete saperne di più? Ecco un approfondimento sui tipi di piscina interrata che sono attualmente presenti sul mercato, con caratteristiche e vantaggi o svantaggi. 



La piscina interrata in vetroresina 

Sognate una piscina interrata che venga edificata davvero in poco, pochissimo tempo? Ecco la versione in vetroresina. Questa struttura in genere è completamente monoblocco ed ha dei grossi vantaggi: la velocità di installazione e la possibilità di personalizzazione. In genere, come abbiamo detto, è una piscina interrata monoblocco che consiste in una vasca appoggiata nel terreno che è stato scavato. Questo ovviamente consente di velocizzare moltissimo i tempi di posa e realizzazione della piscina. Volendo è anche possibile inserire una soletta di cemento all’interno della struttura. 

Non si deve fare alcun rivestimento, si tratta della piscina interrata più veloce da realizzare in assoluto. Il costo è abbastanza elevato per quanto riguarda la vasca monoblocco ma i prezzi dell’installazione, essendo davvero minimal, si abbattono. Se la piscina in vetroresina è piccola, il rapporto qualità prezzo è vantaggioso, altrimenti è mediamente più costosa di altri modelli. 

Vantaggi: 

  • davvero veloce da installare. Tutto quello che bisogna fare è predisporre lo scavo e quindi procedere all’inserimento della vasca. 
  • Personalizzabile al 100% con tantissime soluzioni, colorazioni e rivestimenti presenti sul mercato. Permette di rendere la piscina interrata davvero unica ed originale. 

Svantaggi: 

  • il costo del vetroresina è abbastanza elevato, anche se i costi dell’installazione di contro sono molto bassi. 
  • Si tratta di una piscina rigida, se non si adatta perfettamente al terreno può essere instabile e può risentire dei movimenti del terreno. 

La piscina interrata in cemento armato 

Si tratta probabilmente del modello di piscina interrata più diffuso in assoluto, se non altro perché è un prodotto davvero versatile e resistente. La piscina di cemento è anche la più costosa e richiede delle tempistiche abbastanza lunghe per la posa, perché il cemento deve asciugarsi. Tuttavia il materiale usato è quasi esterno ed è molto versatile. 

Sicuramente il cemento armato è una soluzione che dura a lungo nel tempo e che sa di resistenza. Il tipo di cemento usato deve essere di altissima qualità e non poroso per non fare passare l’acqua. La realizzazione di una piscina interrata in cemento richiede l’intervento di grandi esperti nel settore. La precisone richiesta nei lavori in effetti è davvero molto alta. Se si ha un certo budget è possibile anche ottenere un altissimo grado di personalizzazione usando diversi rivestimenti. In generale la piscina interrata in cemento è la più completa ma la sua progettazione e posa può richiedere molta pazienza. 

Vantaggi: 



  • il materiale è estremamente versatile. Si possono ottenere tante forme diverse. Le possibilità di rivestimento e personalizzazione sono elevate. 
  • Il cemento armato è il materiale più resistente e classico per la realizzazione di una piscina interrata. 

Svantaggi: 

  • il costo è più elevato. 
  • Serve una precisione molto alta nei lavori. 
  • Il cemento deve asciugarsi alla perfezione e quindi può richiedere del tempo. 

La piscina interrata in casseri di polistirolo 

Una soluzione rapida e tutto sommato meno costosa di quelle tradizionali è quella della piscina interrata in casseri di polistirolo. Si tratta di un’alternativa al cemento armato che consente di ottenere un maggiore isolamento termico e meno costi nella posa. Per l’installazione si effettua la posa dei pannelli e una rete metallica prima della colata di cemento, quindi si aggiunge un rivestimento che può essere altamente personalizzato. 

I pannelli possono essere dritti o curvi a seconda delle proprie esigenze, anche se comunque con dei limiti rispetto alla personalizzazione della piscina interrata in cemento o acciaio. In generale si tratta di una piscina interrata con un buon rapporto qualità prezzo. 

Vantaggi 

  • l’isolamento termico realizzato dal polistirolo è eccellente. 
  • Il rapporto qualità prezzo è accessibile. 
  • La piscina interrata si realizza molto velocemente. 

Svantaggi:

  • le possibilità di personalizzazione sono limitate. 
  • Gli interventi di riparazione potrebbero essere complessi. 

La piscina interrata in pannelli di acciaio 

Negli ultimi anni la piscina interrata in pannelli di acciaio è sempre più diffusa. Si tratta di un modello più economico rispetto a quella in cemento armato e viene costruita con pannelli di acciaio zincato o inox che formano la struttura. La posa di questa piscina interrata è tutto sommato abbastanza veloce. Si tratta della soluzione migliore in una zona sismica perchè i pannelli resistono bene alle sollecitazioni. 

I costi sono nella media delle piscine, tuttavia è bene scegliere per prodotti di eccellente qualità per un risultato finale che sia davvero all’altezza delle aspettative. In caso di danneggiamenti, in ogni caso, questi pannelli possono essere facilmente sostituiti. Inoltre oggi come oggi la piscina interrata con pannelli permette di personalizzare la struttura. Si possono ottenere forme diverse rispetto a quella classica rettangolare e quadrata ed anche curvature. La profondità di questa piscina interrata può essere regolata con una soletta di cemento. 

Vantaggi: 



  • costo mediamente accessibile. 
  • Grande flessibilità del prodotto che permette anche di esser personalizzato. 
  • Ideale in luoghi sismici. 

Svantaggi: 

  • ci sono limiti alla possibilità di personalizzazione. 
  • Sono meno resistenti del cemento armato. 
Come mantenere al meglio la tua piscina

Come mantenere al meglio la tua piscina

Come mantenere al meglio la tua piscina

Avere una piscina significa avere un luogo privilegiato in casa dove potersi rilassare da soli o con gli amici. Tuttavia è anche importante mantenere al meglio la propria piscina interrata, che è anche molto delicata e si può sporcare facilmente. Una volta fatto un investimento come una piscina interrata è bene cercare di prendersene cura al meglio e curarlo per fare sì che sia sempre al massimo. 

La piscina interrata infatti è molto delicata ed ha un equilibrio da preservare per poterla godere sempre al meglio. È necessario sapere quali sono le regole della sua manutenzione sia in stagione di pieno utilizzo cioè in primavera ed estate, che in stagione di chiusura. Avere e mantenere una piscina infatti richiede un impegno non sempre indifferente e bisogna sempre tenere sotto controllo la qualità dell’acqua e la sua pulizia. Non solo, la piscina deve essere sempre adeguatamente controllata per evitare che si possa rovinare o sporcare eccessivamente. 

Quello che vi serve è una guida completa alla manutenzione della piscina interrata per tenerla sempre in perfetta efficienza, pulita, pronta da usare. Da anni ci occupiamo della gestione e posa di piscine interrate e siamo pronti a darvi i migliori consigli per poter mantenere perfetta anche la vostra. Se vi serve una consulenza in materia piscina, siamo a disposizione per ogni evenienza, contattateci pure. 



Mantenere pulita l’acqua della piscina

Uno dei punti fondamentali per la manutenzione della piscina interrata è la gestione dell’acqua che deve essere sempre pulita. Mantenere l’acqua della piscina pulita può sembrare semplice ma non lo è sempre. Infatti la pulizia dell’acqua richiede di seguire operazioni di ricircolo idrico, disinfezione dell’acqua e lavaggio dei filtri. Quanti controlli richiede l’acqua della piscina? Il numero di controlli varia a seconda della stagione. Durante l’inizio di stagione, marzo aprile e maggio, è bene controllare l’acqua ogni 3-4 giorni. A giugno, luglio, agosto è bene controllarla ogni due giorni. 

Per mantenere sempre perfetta e pulita l’acqua, ogni giorno bisogna provvedere alla pulizia per mezzo di robot e/o retino. Attenzione anche al PH dell’acqua che deve mantenere un valore ideale fra 7.2 e 7.4 per poter essere sempre al meglio. L’acqua deve essere sempre disinfettata per mezzo di pastiglie a base di cloro, ossigeno, bromo. Il controlavaggio dei filtri va fatto almeno ogni 2-3 settimane. 

Come si misurano i valori dell’acqua? Si possono usare delle apposite stick reagenti a lettura comparativa, che sono economiche e semplici da usare. Altrimenti anche un fotometro elettronico consente di misurare rapidamente i valori dell’acqua senza troppi problemi. 

La piscina deve essere continuamente riempita con acqua pulita, possibilmente di acquedotto. In ogni caso c’è spesso bisogno di fare anche la sua disinfezione per eliminare batteri e corpi estranei che possono entrare in piscina quotidianamente. I prodotti chimici dipendono dal tipo di piscina, quindi bisogna valutare meglio quale sia la soluzione più efficace e sicura per mantenere sempre pulita l’acqua. In genere si utilizzano: 

  • cloro: il prodotto più comune. Economico, è immesso in forma di pastiglie o liquido nell’acqua. 
  • Bromo. Ha diversi vantaggi, non ha odore e non ha caratteristiche corrosive come il fluoro. 
  • Raggi UV. Si tratta di un metodo di disinfezione dell’acqua alternativo al cloro, non usa prodotti chimici. L’energia UV uccide la maggior parte dei batteri e delle alghe. 
  • Ozono. Un trattamento di disinfestazione dell’acqua più costoso ma sicuramente molto più efficace. 

La cura della piscina quando non si usa

La piscina interrata ha bisogno di continue cure anche nei mesi in cui non è usata, quindi in autunno. Quando finisce la stagione dei bagni è bene cominciare a predisporre la piscina per la stagione invernale. Bisogna evitare che subisca danni a causa di freddo, gelo, neve, perché potrebbero costare molto cari in termini di manutenzione quando si procederà alla riapertura. 

Ricordate che i peggiori nemici della piscina sono la salsedine, la muffa, il gelo che possono causare danni alla struttura ed al rivestimento. La piscina comunque non dovrebbe mai essere svuotata del tutto neppure in inverno. Infatti la totale mancanza di acqua potrebbe alterare la struttura a causa delle pressioni esterne. Inoltre potrebbero causarsi dei rigonfiamenti in alcuni tipi di piscine, formazione di muffa, macchie. 

Prima di chiudere la piscina per la stagione fredda è bene pulire con il robot il fondo della piscina e pulire il prefiguro. I filtri vanno puliti con la massima cura prima della stagione invernale. Se si ha a disposizione, come sarebbe bene, la copertura invernale, è ora di stenderla sulla piscina, rimuovendo scalette ed ogni parte asportabile. 

Noi consigliamo sempre l’uso della copertura in PVC invernale perché garantisce davvero la massima protezione della struttura durante i mesi freddi. La copertura protegge la piscina evitando la formazione di alghe e di batteri, la preserva da animali, sporco, polvere e foglie. Le coperture di sicurezza sono anche una garanzia contro cadute accidentali all’interno della piscina, se supportano il peso di una persona. Con la copertura si ha la massima garanzia di protezione della piscina ma anche delle persone e degli animali domestici. 



Preparare la piscina per l’estate 

Quando arriva la bella stagione (ma in realtà già in primavera) è tempo di cominciare a preparare la piscina per l’estate. Bisogna fare poche ma significative operazioni per la pulizia della piscina e la sua preparazione all’uso. Innanzitutto bisogna pulire il solarium, ovvero la zona attorno alla piscina, per non rischiare di farlo dopo sporcando l’acqua. La copertura in PVC invernale va finalmente tolta e va tenuta pulita ed asciutta per il prossimo inverno. Se si può staccare, va asciugata perfettamente e poi riposta per usarla a fine stagione. 

Gli impianti della piscina interrata vanno quindi rimessi in funzione. Si deve procedere ad un check-up di tutte le strutture e di tutti gli accessori, al controllo dei filtri e degli impianti. L’impianto va acceso in primavera per controllare che tutto funzioni bene e per verificare se ci sono anomalie, rumori, problemi vari. In questo modo se ci sono problemi si ha tempo di intervenire prima che arrivi l’estate. 

A questo punto l’acqua va riempita e si procede al controllo della purezza dell’acqua e della sua sicurezza. Grazie alla copertura invernale comunque la maggior parte dei problemi di sporcizia sarà rimosso, comunque bisogna sempre disinfettare e preparare l’acqua con cloro o altri disinfettanti di vario tipo. A questo punto la piscina è pronta per l’uso. 



I vantaggi della piscina interrata

I vantaggi della piscina interrata

I vantaggi della piscina interrata

Avete da sempre sognato una piscina interrata e ora state per realizzare il vostro sogno? Ecco a voi qualche vantaggio di avere una piscina interrata, un sogno bellissimo che si può finalmente avverare. La piscina interrata è un investimento che può esser significativo ma dura a lungo nel tempo eliminando la necessità di dover di nuovo montare la piscina tutti gli anni. È uno status symbol lussuoso ed elegante che si sposa alla perfezione in ogni giardino. 

Rispetto all’investimento iniziale poi la piscina interrata permette di rientrare nei costi e consente di aumentare anche il valore della casa. Se anche voi sognate una bellissima piscina a terra, della forma che preferite, ma non vi siete ancora decisi, vogliamo darvi qualche buona ragione per acquistarla. Infatti la piscina interrata ha ancora moltissimi vantaggi e punti di forza che sapranno sicuramente conquistarvi. Le grandi possibilità di personalizzazione permettono di renderla unica nello stile, materiale, forma e dimensioni. Questa piscina rimane sempre un posto perfetto per rilassarsi con gli amici e con la famiglia .

Le nuove tecnologie regalano sempre nuove emozioni e infatti oggi c’è un’ampia possibilità di scelta fra le varie piscine interrate. Non si tratta più di un sogno irrealizzabile ma di una realtà alla portata di tutti. Volete conoscere tutti i veri vantaggi dell’avere una piscina interrata? Ne abbiamo raccolti un po’ che vi potranno far riflettere sulla vostra scelta. Eccoli qui. 



Vi migliora la vita

Una piscina interrata può davvero migliorarvi la vita. Può farvi vivere più tranquilli, più rilassati, regalandovi una zona di totale condivisione con amici e famiglia che però può essere anche solo vostra, se la volete. La piscina interrata è davvero una soluzione perfetta per regalarvi qualche ora di relax da soli o con chi volete, sempre immersi nella pace e nel benessere. Diventa un punto di ritrovo durante l’estate, un luogo dove stare con la famiglia e gli amici, o anche dove passare qualche ora di tranquillità pura. 

La piscina interrata può diventare il luogo dove vivere meravigliosi momenti a bordo vasca, dove organizzare feste, eventi e via dicendo. Vi donerà tantissima energia e carica e potrete rilassarvi qui dopo una giornata stressante, ricaricando le batterie, rilassandovi finalmente a casa. 

Permette di fare sport

Siete delle persone pigre e non amate fare molto movimento? Non vi attira l’idea di fare una corsa in città o nel parco? Magari preferite l’idea di farvi una bella nuotata nella vostra nuova, lussuosa piscina interrata. È naturale che sia così: oltre che prendere il sole a bordo vasca, la piscina interrata è anche un’ottima scusa per fare allenamento in acqua o qualche bracciata tutti i giorni, anche più volte al giorno. La piscina interrata diventa così un’occasione per fare sport e movimento, per divertirsi, per ricaricare le energie e muoversi. Se volete muovervi divertendovi e rilassandovi la piscina interrata può essere un’ottima soluzione. 

È elegante ed esclusiva

Nonostante oggi i costi medi della piscina interrata si siano abbassati e questi prodotti siano alla portata di (quasi) chiunque, la piscina interrata rimane uno status symbol. Permette di abbellire l’abitazione e la rende esclusiva ed elegante. Dà un tocco di lusso al giardino e inoltre le ampie possibilità di personalizzazione la rendono sicuramente un oggetto personale e unico. Si possono scegliere forma, dimensioni, profondità, rivestimenti e rendere la piscina interrata un prodotto completamente originale. 

Inoltre rimane un simbolo di eleganza e successo, oltre che di privacy e comodità. Durante l’estate non avrete bisogno di andare fuori in piscina, anzi probabilmente potrete invitare tantissime persone a casa vostra per divertirvi nella vostra personale ed esclusiva piscina interrata. 

Fa salire il valore dell’immobile

Magari oggi come oggi non avete intenzione di vendere casa. Tuttavia nella vita non si può mai sapere e dovete considerare che una piscina interrata è uno sfizio che permette di aumentare il valore della casa. Così se un giorno deciderete di vendere o affittare casa, avere una piscina interrata privata permette di far salire di molto il valore dell’immobile. Questo vi permetterà di rientrare nei costi sostenuti per poterla avere. 



Massima possibilità di personalizzazione

Un grande vantaggio della piscina interrata è poterla personalizzare al meglio. Mentre le piscine da montare sono un ‘pacchetto completo’, la piscina interrata va personalizzata al 100%. Si sceglie dove fare lo scavo e dove posizionare la piscina, magari per avere una bella visuale sul panorama. Non solo: si può scegliere la dimensione, la profondità (con possibilità di creare anche zone a diversa profondità, ad esempio per i bambini). Negli ultimi anni è possibile scegliere anche la forma e questo è possibile non solo per la piscina interrata in cemento ma anche per altri tipi. 

Inoltre, appunto, la piscina interrata oggi può essere costruita in cemento o vetroresina, con polistirolo o con pannelli d’acciaio. Insomma, le soluzioni a disposizione sono davvero tantissime ed è anche possibile risparmiare concretamente sul costo della vostra piscina da sogno. In questo modo la vostra piscina interrata sarà sempre unica, proprio come l’avete sempre immaginata e sognata, e inimitabile in tutto e per tutto. 

Comodità massima: nulla da smontare 

Le piscine da montare sono sicuramente meno resistenti di quelle interrate ed inoltre hanno il grande svantaggio di chiedere il lavoro di monta e smonta ogni anno. Questo significa che per ben due volte all’anno si dovrà provvedere a montare e smontare la piscina. Inoltre le piscine mobili sono anche meno resistenti di quelle interrate. 

Con la piscina interrata non c’è bisogno di questi tipi di lavori. Basta impostare la corretta manutenzione del prodotto durante la stagione invernale ed estiva e non ci sarà bisogno di faticare per poterla mantenere sempre bellissima ed elegante. I costi di manutenzione sono sicuramente molto ridotti e anche questo è un vantaggio non indifferente.

Cercate una piscina interrata ma siete ancora indecisi? Non avete ancora scelto il modello che vi piace di più e non sapete quale è il migliore per le vostre esigenze? Contattateci subito per sapere quale è la soluzione migliore per il vostro giardino e le vostre esigenze. 



I consumi e costi della piscina interrata: facciamo chiarezza 

I consumi e costi della piscina interrata: facciamo chiarezza 

I consumi e costi della piscina interrata: facciamo chiarezza 

Molte persone, però, oltre al costo iniziale per la realizzazione della piscina interrata riflettono sui costi e consumi della stessa negli anni. Molte preoccupazioni sono appunto legate al fatto che la piscina interrata potrebbe risultare costosa non tanto per l’investimento iniziale quanto per la manutenzione. In realtà come vedremo la manutenzione della piscina interrata è inferiore rispetto a quella di una piscina fuori terra. Ovviamente una manutenzione deve esserci, per fare sì che il prodotto sia sempre di ottima qualità e che duri nel tempo. Tuttavia una piscina interrata è davvero per sempre, se mantenuta bene e se costruita a regola d’arte. Questo però non toglie i dubbi su eventuali costi nascosti di questa piscina oppure sui consumi che potrebbero riguardarla. Non parliamo solo dell’ovvio consumo di acqua ma anche del costo dei prodotti per la sua disinfezione, la copertura PVC per i mesi invernali e via dicendo. 

Per poter stimare i costi di gestione della piscina interrata bisogna ovviamente tenere conto di diversi fattori. Ad esempio il sistema di filtri che viene scelto impatta notevolmente sui costi della gestione. E ovviamente ogni piscina interrata è a sè e quindi non si possono fare stime neppure lontanamente precise. Tuttavia qualche elemento base si può snocciolare, per essere sempre consapevoli dei costi che avere una piscina interrata comporta. Quali sono i costi ed i consumi di una piscina interrata? Facciamo un po’ di chiarezza su questo argomento. 



Costo dell’acqua della piscina interrata

Il primo costo da valutare è una variabile dalla quale non è, per ovvi motivi, possibile prescindere. La piscina interrata va riempita d’acqua e ovviamente il costo dipende dalla quantità di acqua che vi entra. Quindi più grande è la piscina, maggiore è il costo per riempirla. In linea di massima si tratta di 2-3 euro al metro cubo di acqua per poter riempire la piscina interrata. Durante la stagione estiva, inoltre, l’acqua va cambiata almeno una volta e costantemente tenuta controllata. 

Il PH dell’acqua dovrebbe sempre essere compreso fra 72 e 7.4 e andrebbe controllato ogni giorno. Va da sè che la piscina interrata va pulita col retino o con un robot ogni giorno. Un’altra operazione quotidiana è quella del ricircolo idrico, che dura circa 4-5 ore e viene attivato da una pompa elettrica (costo giornaliero: circa 80 centesimi di euro). 

Consumo energetico della piscina interrata

Quanto consuma una piscina interrata? Questa è una domanda alla quale non è facile rispondere. Infatti è evidente che la risposta dipende dall’impianto di filtrazione, dalla grandezza della piscina, e dai fari (eventuali) presenti all’interno della stessa. Una piscina interrata di grandi dimensioni ovviamente avrà un impianto di filtrazione altrettanto grande che dovrà funzionare per almeno 14 ore al giorno. Questo è un tipo di consumo del quale ovviamente bisogna tenere conto in fase di acquisto tenendo conto di quanto si spende per ogni Kw in ogni ora del giorno. 

Tuttavia c’è da dire che negli ultimi anni anche le piscine vengono costruite con un occhio di riguarda per le esigenze ambientali, e quindi garantiscono un maggiore risparmio energetico. Il nostro consiglio è di informarsi sul consumo energetico della piscina interrata già in fase di acquisto. Questo eviterà ogni tipo di sorprese quando l’impianto sarà regolarmente in funzione. 

Manutenzione della piscina interrata

La manutenzione della piscina interrata in genere non è eccessivamente complessa. Viene pulita con un retino o con appositi robot che puliscono bene anche il fondo.Per la cura della piscina interrata in inverno si consiglia l’acquisto di una copertura in PVC meglio se anti-caduta. Infatti durante l’inverno la piscina è vuota o meglio con poca acqua. Di conseguenza un telo PVC ad hoc permette di evitare sia che delle persone possano caderci dentro, sia che ci ricadano sporco, foglie ed animali. 

Si tratta di un investimento molto intelligente per evitare che si possano creare problemi ai filtri o che la piscina possa ammuffire o rovinarsi nei mesi invernali. Ovviamente la piscina interrata può anche essere ampiamente personalizzata. Si può optare per un sistema di idromassaggio, acqua riscaldata e via dicendo. Anche questi costi possono ovviamente avere un impatto nella gestione totale della piscina. Vale la pena sottolineare però che sono optional e quindi vanno scelti solamente se si sa di poterseli permettere. 

Un capitolo a parte riguarda l’illuminazione della piscina interrata, che però è ovviamente facoltativa. Se si sceglie di dotare la piscina interrata di fari subacquei o di faretti attorno al perimetro bisognerà tenere conto anche di questa spesa energetica. 



Consumo di prodotti chimici 

La piscina interrata ovviamente ha bisogno di manutenzione. Si tratta di un lavoro nettamente inferiore rispetto a quello richiesto per la pulizia delle piscine classiche, ma comunque presente. L’acqua dev’essere regolarmente disinfettata per poter essere salubre, e controllata. Oltre a ciò, l’acqua deve essere sempre pulita. In genere si continua ad usare il cloro per la disinfezione dell’acqua, che è il sistema più economico. Si aggiunge un grammo di cloro per ogni mc di acqua in piscina. Il trattamento può essere effettuato con pastiglie o cloro liquido. 

Tuttavia ci sono anche mezzi di disinfezione dell’acqua più costosi ma più efficaci e meno odorosi. Si pensi alla disinfezione a raggi UV o all’ozono, che consentono di eliminare batteri e muffe senza odori. In linea di massima, possiamo dire che l’uso di prodotti chimici non differisce da quello di una piscina classica. La grande differenza sta nella grandezza della piscina, mentre resta una scelta personale quella di usare prodotti per l’acqua più costosi del cloro. 

In media la disinfezione dell’acqua nella piscina interrata si fa una volta a settimana. I prodotti possono avere ovviamente come abbiamo detto costi differenti. In media in un anno si spendono circa 250 euro per la pulizia e la disinfezione dell’acqua della piscina interrata. 

Controlavaggio dei filtri

I filtri della piscina interrata devono essere tenuti davvero molto, molto bene. Se si rovinano può essere necessario intervenire per sostituirli e la spesa non è indifferente. La pulizia dei filtri della piscina interrata in genere è a sabbia e va fatta una volta ogni 2-3 settimane. Il controlavaggio viene attivato manualmente e l’unico costo è quello del funzionamento delle pompe elettriche. 



Scegliere la piscina interrata perfetta

Scegliere la piscina interrata perfetta

Scegliere la piscina interrata perfetta

La scelta di una piscina interrata permette finalmente di incrementare anche il valore della proprietà, grazie al suo valore intrinseco. Inoltre la piscina è il luogo ideale dove condividere dei momenti di relax e divertimento con famiglia ed amici. Una cosa però è sicura: scegliere la piscina interrata perfetta non è affatto semplice, anzi. Ci sono molte variabili da considerare nella scelta, e non solamente per quanto riguarda il budget, ma anche per quanto concerne la scelta del modello migliore, modalità di costruzione ecc.

Noi siamo qui proprio per consigliarvi nella scelta della piscina interrata perfetta per le vostre esigenze. Perché la realtà è che non esiste un prodotto migliore in assoluto, ma un prodotto migliore a seconda di quello che si cerca. Scegliere bene la piscina è importante perché si tratta di un prodotto destinato a durare nel tempo. La qualità dei materiali, della posa, della costruzione e la sua manutenzione nel tempo sono quindi aspetti fondamentali da considerare. Noi siamo qui appunto per consigliarvi ed aiutarvi ad optare per la piscina interrata migliore in assoluto: continuate a leggere per scoprire i consigli sull’argomento.



Perché la scelta del materiale è fondamentale 

La scelta accurata della piscina interrata è fondamentale perché essa influenza non solo il costo iniziale ma anche i costi di manutenzione del bene. I materiali influenzano invece la durata nel tempo del prodotto e la sua resistenza. Quindi se avete avuto un colpo di fulmine, prima di aprire il portafoglio valutate bene se il modello sia davvero consono alle vostre esigenze. Ci sono infatti tanti tipi diversi di piscine, per quanto riguarda:

  • • i materiali di costruzione, che possono essere i più diversi. Essi influenzano il costo del prodotto ma anche la sua durata nel tempo e scegliere bene è importante.
  • • La forma della piscina, che si adatta alla grandezza dello spazio ed alle esigenze personali.
  • • La profondità della piscina, che impatta sui costi ma anche sull’aspetto fruibilità e sicurezza.
  • • I rivestimenti e la manutenzione della piscina interrata nel corso del tempo.

Come vedete, oltre alla marca ed al modello ci sono tantissimi elementi da valutare, andremo a vedere assieme quali sono i principali.

I materiali della piscina interrata

La scelta della piscina interrata perfetta passa innanzitutto per la scelta dei materiali. Ogni tipologia di materiale ha i suoi pro ed i suoi contro che vanno considerati attentamente. Ci sono tecnologie di costruzione più vecchie ed altre più moderne: quale sarà la migliore per voi?

Piscina interrata in cemento 

La piscina interrata in cemento armato è una delle soluzioni più classiche in assoluto. In generale si tratta del tipo di piscina interrata più diffusa in assoluto perché il cemento è un materiale duraturo. Tuttavia l’evoluzione tecnologica e dei materiali oggi non rende più il cemento armato l’unica soluzione duratura nel tempo, anzi. Questo non toglie che il cemento sia il materiale preferito da chi non bada a spese e lavori per avere un prodotto che possa durare negli anni.

La costruzione di una piscina interrata in cemento richiede un’altissima precisione nei lavori. Bastano pochi cm per avere una piscina perfetta o imperfetta, e la precisione nel lavoro dev’essere davvero al massimo. Non bisogna mai affidarsi a chi non abbia esperienza nel settore per la costruzione della piscina interrata in cemento. Anche la qualità dei materiali utilizzati deve essere massima, si pensi al fatto che il cemento troppo poroso è dannoso e può causare infiltrazioni.

Per questo se desiderate una piscina in cemento armato vi consigliamo di contattarci per una consulenza che tenga conto delle vostre esigenze. I costi della piscina interrata in cemento sono più alti di altre tipologie a causa dei lavori che richiede. Tuttavia questo materiale garantisce comunque una lunghissima durata. Le possibilità di personalizzare la forma e la dimensione inoltre sono veramente molto alte. Quindi possiamo consigliare la piscina interrata in cemento a chi non bada a spese per un prodotto personalizzabile, duraturo e resistente.



La piscina interrata con casseri di polistirolo 

La piscina interrata in polistirolo consiste in una soluzione decisamente più economica rispetto alla piscina interrata in cemento. Sono anche molto più veloci da costruire e questo ovviamente soddisfa le esigenze di chi voglia una piscina last minute. L’installazione avviene per mezzo di blocchi vuoti di polistirolo circondati da una rete metallica. Poi si effettua la colata di cemento ed il rivestimento.

Grazie al polistirolo è possibile ottenere una piscina interrata a bordi dritti o curvi, anche se la possibilità di personalizzazione è abbastanza limitata. La personalizzazione del rivestimento invece è abbastanza alta, si può ottenere anche un effetto a mosaico. L’isolamento termico, l’esecuzione abbastanza rapida ed i costi ridotti sono i punti più importanti della piscina interrata in polistirolo. Tuttavia eventuali interventi di riparazione possono essere abbastanza complessi. Il prezzo del polistirolo è ovviamente inferiore rispetto a quello del cemento e lo stesso dicasi per la lavorazione richiesta.



La piscina interrata in pannelli d’acciaio 

La soluzione della piscina interrata in pannelli di acciaio è senza dubbio molto recente. Negli ultimi decenni questi materiali vengono usati per costruire le piscine residenziali e consentono di coniugare una certa rapidità di lavorazione con un costo abbastanza accessibile. Le piscine con pannelli in acciaio sono formate da una soletta di cemento di vario spessore su cui sono applicati pannelli modulari in acciaio. In genere per assicurare una maggiore resistenza i pannelli sono in acciaio inox o zincato e contrafforti laterali.

A chi possiamo consigliare una piscina interrata in pannelli d’acciaio? Si tratta della soluzione ideale per chi vuole una costruzione abbastanza rapida, robusta, ma comunque veloce. La fase della costruzione richiede meno precisone rispetto al modello in cemento armato. Il costo è abbastanza buono a fronte dei vantaggi che questo metodo di lavorazione comporta, purché il materiale sia di buona qualità. Si può optare anche per pannelli con membrana armata in PVC per personalizzare anche i colori della piscina interrata e renderla unica. Oggi inoltre è possibile ottenere piscine con pannelli di diverse forme e dimensioni e non solo quella classica rettangolare.

Sicurezza in piscina: che cosa dovete sapere

Sicurezza in piscina: che cosa dovete sapere

Sicurezza in piscina: che cosa dovete sapere

Quando si parla di piscine, e soprattutto di piscina interrata, uno degli aspetti da considerare maggiormente è quello della sicurezza. Questo è un aspetto tanto vero soprattutto quando ci siano bambini, ma anche per gli adulti. Spesso infatti si tende a sottovalutare il pericolo che una piscina interrata può rappresentare. Questo bellissimo specchio d’acqua privata che offre fantastici momenti di relax e divertimento infatti può nascondere qualche insidia. Vivere serenamente la propria piscina interrata ed i suoi momenti di relax richiede attenzione anche per quanto riguarda la sicurezza. 

Tuttavia bastano pochi accorgimenti per poter trasformare la piscina in un luogo davvero sicuro per tutti: adulti, bambini e animali domestici. Vogliamo darvi qualche consiglio per migliorare la gestione della piscina sicura. Questo richiede sia l’adozione di comportamenti adatti che anche supporti esterni come muretti, cancelli e coperture in PVC che assicurano tutela per tutti e anche per la piscina. 

La sicurezza in piscina privata è molto importante perché non ci sono bagnini a salvaguardia di chi fa il bagno ma bisogna cercare di adottare qualche accorgimento e precauzione. Ecco quali sono le migliori soluzioni per stare sempre al sicuro anche quando si va a farsi un tuffo nella piscina interrata in giardino. 

La nostra azienda si occupa da anni di gestione delle piscine interrate ed è pronta a darvi dei consigli per la scelta della piscina migliore per le vostre esigenze. Inoltre siamo disponibili per consigli in materia di sicurezza della piscina e di copertura della piscina interrata. Infatti la sicurezza va di pari passo con la corretta cura e manutenzione della piscina. Ecco quindi qualche consiglio che può tornarvi utile per la gestione della piscina in totale sicurezza per adulti, bambini ed animali. 



La sicurezza nell’area piscina

I bambini sono sicuramente le persone più vulnerabili alla presenza di una piscina interrata. Spesso i bambini non hanno percezione del pericolo dell’acqua e della sua profondità. La prima cosa da fare è evitare assolutamente che i bambini si avvicinino da soli alla piscina. Per mettere in sicurezza tutta l’area è possibile optare per un recinto o per una protezione. Si può pensare di installate una rete o un pergolato con cancello che impedisca ai bambini di accedere da soli, meglio ancora se con un catenaccio. 

La protezione può essere anche un elemento di design, come aiuole o siepi con un cancello. In questo modo è davvero difficile che bambini e animali si possano avvicinare alla zona della piscina e di conseguenza correre pericoli. Le coperture esterne e le reti delle piscine interrate possono esser anche dotate di un allarme a filo che segnali intrusioni. In questo modo la vostra piscina interrata è al sicuro dalle intrusioni. Insegna ai bambini l’importanza della sicurezza in modo che sappiano che non devono avvicinarsi da soli all’acqua perché può essere pericoloso. Insegna ai bambini a nuotare e non lasciarli mai da soli neppure un istante nella zona della piscina. 

Per la maggiore sicurezza di tutti, nei dintorni della piscina interrata bisogna evitare ogni comportamento pericoloso come per esempio tuffarsi in acqua bassa e usare scivoli in modo avventato. Non bisogna mai immergersi dopo aver consumato quantità grandi di alcol. I prodotti della piscina interrata, come cloro ed altri prodotti chimici, devono essere tenuti al sicuro sotto chiave. 

Coperture di sicurezza per la piscina interrata

Come proteggere al meglio la piscina dalle intemperie e dal freddo, ed allo stesso tempo impedire incidenti se si hanno in casa animali oppure bimbi abbastanza piccoli? Il nostro consiglio per la piscina interrata è quello di dotarsi di coperture in PVC per la piscina. La normativa di riferimento è la UNI 11718, che fornisce la disciplina sulla tipologia di copertura adatta per la sicurezza. 

Le coperture sono dei teli di PVC che – a mano o in modo robotizzato – si stendono sulla superficie della piscina interrata quando non è in uso. Possono servire sia durante l’estate, per coprire la piscina quando non è usata per evitare incidenti, che durante l’inverno. Le coperture in PVC sono la soluzione perfetta per curare la sicurezza della vostra piscina, infatti impediscono ai bambini o animali di cadere in acqua. Le coperture certificate secondo la normativa italiana devono resister ad almeno 100 kg senza strapparsi. Il fissaggio al pavimento deve essere in modo che un bambino non possa toglierlo o infilarsi tutto. Il sistema di copertura automatica non può essere interrotto o maneggiato da un bambino. 



Tipologie di copertura piscina 

Le coperture possono essere di diverso tipo. 

  • Copertura con ancoraggio a pioli. Si tratta di un modello di copertura per piscina interrata abbastanza economico ma comunque molto resistente. Si tratta di un telone molto robusto ed idoneo a reggere anche carichi pesanti senza strappi e affossamenti. I vantaggi di questo telone stanno nel suo costo contenuto e nella facilità di gestione. Può essere sagomato e non ha limiti di dimensione. Tuttavia il vantaggio può essere leggermente laborioso ed è pensato per l’utilizzo invernale. 
  • Coperture a barre rigide. I teli a barre rigide sono pensati per proteggere la piscina interrata in tutte le stagioni e non solo in inverno. Possono permette di usare la piscina anche in estate e proteggerla quando non è in uso. Si tratta di teloni formati da barre orizzontali con pannelli di PVC. Semplici da arrotolare e da rimuovere, sono usate in ogni stagione ma hanno un costo maggiore. 
  • Copertura a tapparella. Si tratta della soluzione più elegante ma anche meno economica in assoluto. Questa copertura in genere si avvolge e toglie in modo automatizzato usando dei binari. L’utilizzo di questo prodotto è in genere durante l’estate, per proteggere la piscina. Elegante e comoda perché automatizzata, è molto costosa e comunque non è ideale per proteggere la piscina interrata in inverno. 
  • Copertura a terrazza. La copertura per piscina interrata a terrazza consiste in una soluzione di tavole di legno sollevate sulla piscina che coprono e scoprono la vasca in qualche istante. Si tratta di una soluzione sicura ed efficace, comoda da usare, ovviamente però ha un costo non indifferente. 



Cosa valutare prima di comprare una piscina interrata

Cosa valutare prima di comprare una piscina interrata

Cosa valutare prima di comprare una piscina interrata

Per molte persone l’acquisto di una piscina interrata è un sogno di una vita che si realizza. Effettivamente la piscina interrata è un sinonimo di lusso, eleganza e privacy. Chi non vorrebbe un angolo di relax del genere nel suo giardino, dove rilassarsi con amici e parenti? La piscina interrata rimane uno status symbol molto importante e soprattutto un inimitabile luogo dove divertirsi e rilassarsi. 

Non stupisce quindi che moltissime persone cerchino informazioni sulle piscine interrate, da sempre sinonimo di bellezza e stile nel giardino. Ma cosa c’è da valutare e sapere prima di acquistare una piscina interrata? Noi da anni ci occupiamo di consulenza e posa delle piscine interrate e conosciamo le esigenze dei clienti. Così possiamo consigliarvi al meglio sulle soluzioni migliori da scegliere ma anche su cosa valutare prima dell’acquisto. Scegliere d’impulso infatti non è la cosa più corretta da fare. Prima di prendere una piscina interrata alla leggera bisogna valutare bene quali sono le proprie esigenze. Parliamo non solo del budget, che può variare (del resto oggi questa soluzione è alla portata di quasi tutti). Parliamo anche della scelta dei materiali nonché della forma e dimensione della piscina. 

Per prendere una decisone curata e consapevole è sempre bene sapere a che cosa si va incontro. Ecco quindi qualche utile consiglio che potrà servirti per valutare se la scelta di una piscina interrata fa per te. Nel caso, potrai sapere di più su come si cura questo prodotto e sulle sue funzionalità, per indirizzarti al meglio nella scelta del prodotto migliore. 



Costi della piscina interrata

Inutile nasconderlo: quando si parla di piscine, la prima valutazione da fare è quella del budget. Dal budget è possibile poi risalire al modello migliore di piscina, alle sue funzionalità, accessori, materiali e dimensioni. Ovviamente il costo di una piscina interrata risulta da un preventivo dettagliato che dipende dalla dimensione, posa, materiali. Chiedere un preventivo con tutti i dettagli è la prima cosa da fare per scegliere al meglio la piscina perfetta. Bisogna cercare di fare un ragionamento che prenda in considerazione non solo la piscina come costo ma come investimento.

Come sappiamo la piscina interrata aumenta e di non poco il valore di una proprietà così la scelta giusta dipende anche da questa valutazione. Anziché fermarsi solo al prezzo iniziale bisogna valutare la durata nel tempo, le possibilità di personalizzazione, i materiali e la resistenza. Bisogna tenere conto anche dei costi di manutenzione della piscina, che sono una variabile importante. 

In linea di massimo le piscine più costose sono quelle in cemento armato, che sono anche garantite per lunghissimo tempo. Molto più economiche e rapide quelle in vetroresina e casseri in polistirolo. Anche quelle in pannelli d’acciaio sono abbastanza durature e versatili e con un buon rapporto qualità prezzo. Comunque il budget non è l’unico elemento da valutare nella scelta della piscina interrata. 

Dimensioni e design 

La piscina interrata consente una certa personalizzazione. Ovviamente questa possibilità dipende anche da fattori esterni (il terreno dove sarà impostata, il materiale scelto). In generale però è possibile scegliere fra diversi tipi di rivestimento e fra dimensioni e forme diverse. 

La dimensione della piscina interrata dipende dal tipo di attività che vi si vuole praticare. Ovviamente una piscina per uso ricreativo ha un diverso scopo da una che si usa per allenarsi e che deve avere una certa lunghezza. Nello studio della dimensione è necessario tenere conto anche del giardino. Volete creare un solarium, avere un gazebo a bordo piscina? Un angolo relax con salotto per cene ed apertivi? Sono elementi di cui tenere da conto. 

Anche la forma e il design della piscina dipendono dalle esigenze e dallo spazio. C’è chi ama la classica forma rettangolare, chi la forma a otto addirittura con diverse profondità. C’è chi vuole una piscina interrata curvilinea e altri tonda. Insomma, sono elementi da valutare col progettista per una piscina interrata che sia davvero all’altezza delle proprie aspettative. Non tutte le piscine possono avere forme personalizzate: quella in vetroresina ha una forma fissa e quella in lamiera di acciaio offre poche possibilità di personalizzazione. 



Tempistiche di costruzione

Evidentemente la piscina interrata richiede dei lavori di costruzione che sono comprensibilmente più lunghi della posa di una piscina fuori terra. Tuttavia anche in questo caso ci possono essere delle differenze importanti da considerare. 

La piscina interrata in cemento armato richiede degli scavi più lunghi (che comunque dipendono dalla profondità della piscina). Il cemento poi dopo la gettata deve anche riposare e asciugarsi completamente e anche questo richiede tempi lunghi. Molto più rapide le piscine in vetroresina e quelle in cemento e polistirolo. Quindi prima di scegliere la piscina interrata perfetta tenete anche conto del fatto che avete fretta o no. 

Prima di procedere alla posa, bisogna preparare il terreno per la costruzione della piscina. Bisogna livellare il terreno ed eseguire gli scavi nella proprietà. Quindi si procede all’installazione della piscina interrata la cui tempistica dipende da dimensioni, profondità e tipo di piscina. Ovviamente i tempi dipendono anche dall’abilità dell’operatore che esegue i lavori. Per questo vi consigliamo sempre di scegliere una ditta esperta del settore che possa darvi una data indicativa di fine dei lavori che possa rispettare. Tenete conto che i tempi di installazione, come abbiamo detto, dipendono anche dal tipo di piscina interrata. Quella in cemento armato richiede più tempo rispetto a quelle in vetroresina che vengono invece direttamente inserite nell’impianto. 

Non solo: la piscina interrata per essere costruita richiede sempre dei permessi. La richiesta dei permessi può aumentare le tempistiche di costruzione ma è comunque indispensabile. In ogni caso la costruzione della piscina interrata richiede un piccolo investimento in termini di tempistica. Se volete averla pronta per l’estate muovetevi con un certo anticipo per poter chiedere tutti i permessi e programmare i lavori. 

Progettate la piscina interrata con noi

Speriamo di avervi chiarito le idee sulle mille variabili che intervengono nella scelta della piscina interrata e che cambiano anche il budget. 

Grazie alla nostra esperienza nel campo della posa delle piscine, possiamo aiutarvi a scegliere il modello migliore. Contattateci per maggiori informazioni sul tema. 



Piscina interrata e seminterrata: che differenze

Piscina interrata e seminterrata: che differenze

Piscina interrata e seminterrata: che differenze

La scelta di una piscina ideale non è sempre semplice. Nell’ambito delle piscine interrate possiamo distinguere anche la presenza della piscina seminterrata, una soluzione che spesso è un compromesso fra risultato e prezzo. Se la piscina interrata per alcune persone è un investimento ancora non indifferente, la piscina seminterrata consente di ottenere un ottimo risultato scenico ad un prezzo minore. Non solo: la piscina seminterrata comporta anche tanti altri vantaggi che andremo a vedere. 



Tuttavia vi sono anche delle differenze fra piscine interrate e semi interrate che sono da valutare per una scelta consona ed adatta. La piscina seminterrata è spesso una soluzione molto versatile per avere un piccolo angolo di benessere ad un prezzo più contenuto. Anche i tempi di realizzazione sono ridotti e per questo la piscina seminterrata è indicata per chi voglia risparmiare soldi e tempo. Il risultato finale è comunque davvero scenografico e le possibilità di personalizzazione sono alte. Questo consente di realizzare il desiderio di avere una piscina semi interrata ad un prezzo inferiore rispetto a quella interrata. 

Tuttavia nella scelta di questa soluzione bisogna avere ben chiari quali sono i vantaggi, i limiti ed i permessi necessari per questo tipo di piscina. Vediamo quindi i vantaggi della piscina seminterrata e quali sono le differenze da quella interrata. 

La piscina seminterrata in casa

Se avete sempre desiderato un piccolo angolo scenografico in giardino, la piscina seminterrata può fare al caso vostro. Questa soluzione consente di dare subito un tocco glam al vostro giardino all’aperto, è sofisticata e lussuosa, e permette di rilassarsi in un angolo privato della casa. Come avviene anche per la piscina interrata, questa soluzione permette di aumentare il valore della casa, se un giorno voleste venderla o affittarla. Infatti è un plus lussuoso davvero importante e al quale molti clienti guardano quando vogliono acquistare un’abitazione. Infine, vi permette di ritagliavi un angolo di privacy, relax e condivisone nel vostro giardino, rendendolo elegante e lussuoso. 



Il piacere di stendersi al sole e rilassarsi vicino alla propria nuova piscina inoltre è incommensurabile. Come anche la possibilità di organizzare feste e godersi questo piccolo angolo di convivalità e condivisone con chi si vuole. Ma quali sono i vantaggi delle piscine semi interrate? Come sceglierle al meglio? La piscina seminterrata innanzitutto è una soluzione che, a differenza di quella interrata e come si capisce dal nome, sporge leggermente da terra. Si tratta di una soluzione che si può adattare a molte situazioni. Ad esempio può installarsi su giardini, terrazzi e anche dislivelli, perché può essere facilmente modulata. Questo la rende a volte anche più versatile di una piscina interrata. 

Inoltre non deve essere disposto nessuno scavo a mezzo gru come avviene per la piscina interrata. Se lo scavo si rende necessario non viene realizzata alcuna armatura di cemento ma si preferiscono materiali come resina ed acciaio. Questo distingue in sostanza la piscina seminterrata da quella interrata. 

Manutenzione piscina seminterrata

La piscina seminterrata ha bisogno di manutenzione proprio come ogni altra. Possiamo consigliare, per quanto riguarda la gestione della pulizia, gli appositi robot. Hanno dei costi abbastanza accessibili rispetto a quelli delle piscine interrate e si trovano molte offerte. 

La possibilità di personalizzazione della piscina seminterrata è molto alta. È possibile aggiungere idromassaggio, scalette e scale, riscaldamento, piccole comodità che fanno la differenza quando si tratta di scegliere la piscina migliore. 

Costi della piscina seminterrata

Quanto costa la piscina seminterrata? Si tratta di una domanda più che legittima. In generale il costo di una semi interrata è minore di quella interrata. Se si ha un budget di un certo livello ma non si vuole optare per una banale piscina fuori terra, la semi interrata rimane la soluzione migliore. Come abbiamo detto è realizzabile con un budget abbastanza limitato e non alto come quello delle piscine interrate. 

Gli abbattimenti dei costi di questa soluzione sono dovuti al fatto che non bisogna effettuare colate di cemento e scavi di grandi livello per installarle. Questo abbatte i costi del materiale e della manodopera, con indubbi vantaggi per chi opta per questa soluzione. I costi possono andare dai 9mila ai 12mila euro o più a seconda della soluzione scelta: insomma, sono alla portata di tutti. Il risultato finale sarà esteticamente molto vicino a quello delle piscine interrate, glamour ed elegante. Però il costo è nettamente inferiore.

Ovviamente il prezzo dipende anche dai materiali utilizzati, se si costruisce una piscina seminterrata in acciaio si spende di più ma si ha la garanzia della durata nel tempo. La piscina seminterrata in vetroresina invece ha un costo che è nettamente inferiore. Ovviamente la loro durata è garantita per un lasso di tempo minore, ed il materiale può tendere ad opacizzarsi. Le piscine in poliestere invece sono molto economiche, rapide da installare, ed hanno una buona tenuta termica. Possono durare a lungo nel tempo. 

Piscina interrata o piscina seminterrata?

Cosa scegliere, una piscina seminterrata o interrata? Ovviamente la soluzione migliore la conosce solo il cliente. Ma nella scelta si possono valutare alcuni punti importanti. 

  • Il budget. Molto spesso è il budget disponibile abbastanza basso che fa optare per una piscina seminterrata al posto dell’interrata. Il risultato finale, come abbiamo detto, è comunque molto elegante. Tuttavia c’è chi preferisce nel contesto del suo giardino una interrata e chi si accontenta di un compromesso. 
  • Durata nel tempo. Il discorso qua dipende dai materiali utilizzati. Comunque è ovvio che una piscina seminterrata anche in acciaio è esposta alle intemperie ed al tempo. Potrà quindi durare di meno di una interrata in cemento, ma questo dipende anche dalla cura e dalla manutenzione. 
  • Versatilità. La piscina seminterrata è molto versatile ed in alcuni casi può essere installata anche in zone dove una interrata non potrebbe stare. Per questo in alcuni casi è preferibile. 
  • Tempistiche di posa. La piscina seminterrata richiede una minore tempistica per la posa rispetto ad una interrata. Come abbiamo detto i lavori da fare sono nettamente inferiori e così anche i tempi di scavo. Tuttavia questo può rivalersi sulla durata nel tempo.