I consumi e costi della piscina interrata: facciamo chiarezza 

I consumi e costi della piscina interrata: facciamo chiarezza 

Molte persone, però, oltre al costo iniziale per la realizzazione della piscina interrata riflettono sui costi e consumi della stessa negli anni. Molte preoccupazioni sono appunto legate al fatto che la piscina interrata potrebbe risultare costosa non tanto per l’investimento iniziale quanto per la manutenzione. In realtà come vedremo la manutenzione della piscina interrata è inferiore rispetto a quella di una piscina fuori terra. Ovviamente una manutenzione deve esserci, per fare sì che il prodotto sia sempre di ottima qualità e che duri nel tempo. Tuttavia una piscina interrata è davvero per sempre, se mantenuta bene e se costruita a regola d’arte. Questo però non toglie i dubbi su eventuali costi nascosti di questa piscina oppure sui consumi che potrebbero riguardarla. Non parliamo solo dell’ovvio consumo di acqua ma anche del costo dei prodotti per la sua disinfezione, la copertura PVC per i mesi invernali e via dicendo. 

Per poter stimare i costi di gestione della piscina interrata bisogna ovviamente tenere conto di diversi fattori. Ad esempio il sistema di filtri che viene scelto impatta notevolmente sui costi della gestione. E ovviamente ogni piscina interrata è a sè e quindi non si possono fare stime neppure lontanamente precise. Tuttavia qualche elemento base si può snocciolare, per essere sempre consapevoli dei costi che avere una piscina interrata comporta. Quali sono i costi ed i consumi di una piscina interrata? Facciamo un po’ di chiarezza su questo argomento. 

Costo dell’acqua della piscina interrata

Il primo costo da valutare è una variabile dalla quale non è, per ovvi motivi, possibile prescindere. La piscina interrata va riempita d’acqua e ovviamente il costo dipende dalla quantità di acqua che vi entra. Quindi più grande è la piscina, maggiore è il costo per riempirla. In linea di massima si tratta di 2-3 euro al metro cubo di acqua per poter riempire la piscina interrata. Durante la stagione estiva, inoltre, l’acqua va cambiata almeno una volta e costantemente tenuta controllata. 

Il PH dell’acqua dovrebbe sempre essere compreso fra 72 e 7.4 e andrebbe controllato ogni giorno. Va da sè che la piscina interrata va pulita col retino o con un robot ogni giorno. Un’altra operazione quotidiana è quella del ricircolo idrico, che dura circa 4-5 ore e viene attivato da una pompa elettrica (costo giornaliero: circa 80 centesimi di euro). 

Consumo energetico della piscina interrata

Quanto consuma una piscina interrata? Questa è una domanda alla quale non è facile rispondere. Infatti è evidente che la risposta dipende dall’impianto di filtrazione, dalla grandezza della piscina, e dai fari (eventuali) presenti all’interno della stessa. Una piscina interrata di grandi dimensioni ovviamente avrà un impianto di filtrazione altrettanto grande che dovrà funzionare per almeno 14 ore al giorno. Questo è un tipo di consumo del quale ovviamente bisogna tenere conto in fase di acquisto tenendo conto di quanto si spende per ogni Kw in ogni ora del giorno. 

Tuttavia c’è da dire che negli ultimi anni anche le piscine vengono costruite con un occhio di riguarda per le esigenze ambientali, e quindi garantiscono un maggiore risparmio energetico. Il nostro consiglio è di informarsi sul consumo energetico della piscina interrata già in fase di acquisto. Questo eviterà ogni tipo di sorprese quando l’impianto sarà regolarmente in funzione. 

Manutenzione della piscina interrata

La manutenzione della piscina interrata in genere non è eccessivamente complessa. Viene pulita con un retino o con appositi robot che puliscono bene anche il fondo.Per la cura della piscina interrata in inverno si consiglia l’acquisto di una copertura in PVC meglio se anti-caduta. Infatti durante l’inverno la piscina è vuota o meglio con poca acqua. Di conseguenza un telo PVC ad hoc permette di evitare sia che delle persone possano caderci dentro, sia che ci ricadano sporco, foglie ed animali. 

Si tratta di un investimento molto intelligente per evitare che si possano creare problemi ai filtri o che la piscina possa ammuffire o rovinarsi nei mesi invernali. Ovviamente la piscina interrata può anche essere ampiamente personalizzata. Si può optare per un sistema di idromassaggio, acqua riscaldata e via dicendo. Anche questi costi possono ovviamente avere un impatto nella gestione totale della piscina. Vale la pena sottolineare però che sono optional e quindi vanno scelti solamente se si sa di poterseli permettere. 

Un capitolo a parte riguarda l’illuminazione della piscina interrata, che però è ovviamente facoltativa. Se si sceglie di dotare la piscina interrata di fari subacquei o di faretti attorno al perimetro bisognerà tenere conto anche di questa spesa energetica. 

Consumo di prodotti chimici 

La piscina interrata ovviamente ha bisogno di manutenzione. Si tratta di un lavoro nettamente inferiore rispetto a quello richiesto per la pulizia delle piscine classiche, ma comunque presente. L’acqua dev’essere regolarmente disinfettata per poter essere salubre, e controllata. Oltre a ciò, l’acqua deve essere sempre pulita. In genere si continua ad usare il cloro per la disinfezione dell’acqua, che è il sistema più economico. Si aggiunge un grammo di cloro per ogni mc di acqua in piscina. Il trattamento può essere effettuato con pastiglie o cloro liquido. 

Tuttavia ci sono anche mezzi di disinfezione dell’acqua più costosi ma più efficaci e meno odorosi. Si pensi alla disinfezione a raggi UV o all’ozono, che consentono di eliminare batteri e muffe senza odori. In linea di massima, possiamo dire che l’uso di prodotti chimici non differisce da quello di una piscina classica. La grande differenza sta nella grandezza della piscina, mentre resta una scelta personale quella di usare prodotti per l’acqua più costosi del cloro. 

In media la disinfezione dell’acqua nella piscina interrata si fa una volta a settimana. I prodotti possono avere ovviamente come abbiamo detto costi differenti. In media in un anno si spendono circa 250 euro per la pulizia e la disinfezione dell’acqua della piscina interrata. 

Controlavaggio dei filtri

I filtri della piscina interrata devono essere tenuti davvero molto, molto bene. Se si rovinano può essere necessario intervenire per sostituirli e la spesa non è indifferente. La pulizia dei filtri della piscina interrata in genere è a sabbia e va fatta una volta ogni 2-3 settimane. Il controlavaggio viene attivato manualmente e l’unico costo è quello del funzionamento delle pompe elettriche. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *